Decorazioni di Natale fai da te e con materiale di riciclo
Perché ho come la sensazione che queste decorazioni di Natale fai da te ti piaceranno...
10 Idee per il Calendario dell'Avvento fai da te
Un segreto che non ho mai detto a nessuno: ho scoperto che cos'era un calendario...

Tutorial: Cestino Portagioie ad Uncinetto-Parte 2

cestino uncinetto, portagioie uncinetto, portagioie fai da te, portagioie fatto a mano, cestino fettuccia, lavori fettuccia, fiori uncinetto, vaso di fiori uncinetto,

 

Ci siamo lasciati alla Parte 1 dove ho descritto com’è nata l’idea del mio cestino portagioie floreale all’uncinetto. In questa seconda parte invece, ecco le spiegazioni per realizzarlo.

Ho cercato di fare quante più foto possibili in modo da non tralasciare nessun passaggio, integrandole anche con alcuni disegni esempificativi. Questo perchè volevo fare un tutorial chiaro e comprensibile anche per chi con l’uncinetto è alle prime armi e magari ha voglia di provare un progetto un po’ più particolare come questo.

Ho preferito comunque dividere il tutorial in più step, separando la spiegazione del cestino, da quella dei fiori che troverete nella Parte-3

Parte 2:  Il cestino

Punti e uncinetti utlilizzati:

  • maglia bassa
  • punto gambero
  • uncinetto n.9 per lavorare la fettuccia
  • uncinetto n.3.5 per lavorare il cotone

Occorrente:

  • fettuccia bianca (o del colore che più vi piace) di cotone o lycra (in alternativa va bene anche la fettuccia ricavata tagliando vecchie t-shirt)
  • cotone verde da lavorare con un uncinetto 3.5
  • filo di carta animato (in alternativa filo di ferro)
  • tubicino di gomma trasparente

Base del cestino

Si lavora in tondo la fettuccia bianca con l’uncinetto n.9 proseguendo a spirale con  aumenti regolari (come quando si lavora una presina).

1° giro: avviare il lavoro con 8 maglie basse lavorate dentro l’anello magico.

2° giro: lavorare a spirale aumentando regolarmente le maglie, fare cioè 16 maglie basse (due maglie in ogni maglia sottostante).

3° giro: lavorare 32 maglie basse (due maglie in ogni maglia sottostante).

4° giro:  lavorare 32 maglie basse (una in ogni maglia sottostante). Da questo giro, non essendoci aumenti di maglie, il lavoro inizia a curvare, i lati cominciano ad alzarsi e il cestino comincia a prendere forma.

lavorare in tondo uncinetto, tondo uncinetto, lavorare in tondo, cerchio uncinetto, cestino uncinetto, presina uncinetto,

lavorare in tondo uncinetto, tondo uncinetto, lavorare in tondo, cerchio uncinetto, cestino uncinetto, crochet basket ,

Lati del cestino

5° giro: si cambia uncinetto  e filo e si lavorano, con il cotone verde, 3 maglie basse su ogni maglia sottostante.

Da ora la lavorazione dei lati del cestino è circolare senza aumenti di maglie.

Importante! Per dare rigidità al cestino, la fettuccia non va staccata  dal lavoro. Con il cotone verde infatti, si deve lavorare intorno alla fettuccia fino alla fine del lavoro. La fettuccia non si vedrà, ma darà corpo e sostegno.

lavorare in tondo uncinetto, tondo uncinetto, lavorare in tondo, cerchio uncinetto, cestino uncinetto,

6° giro e seguenti: proseguire il cestino lavorando, sempre con il cotone verde, una maglia bassa su ogni maglia bassa sottostante, fino a raggiungere all’altezza voluta.

Trucchetto: ogni tanto è possibile correggere eventuali imperfezioni nella forma, tirando un po’ il filo della fettuccia.

cestino fettuccia uncinetto, lavori fettuccia, fettuccia uncinetto, portagioie uncinetto cestino uncinetto,

lavorare in tondo uncinetto, tondo uncinetto, lavorare in tondo, cestino uncinetto, portagioie uncinetto

cestino uncinetto, portagioie uncinetto, portagioie fai da te, portagioie fatto a mano, cestino fettuccia,

Bordo del cestino

Per rendere ancora più regolare e rigido il bordo del portagioie, ho inserito nell’ultimo giro, un tubicino di gomma trasparente, lavorandoci intorno un giro a maglia bassa.

portagioie uncinetto, crochet basket, cestino uncinetto, portagioie uncinetto, portagioie fai da te, portagioie fatto a mano, cestino fettuccia,

Rifinitura del cestino

Ho terminato il cestino rifinendo il bordo con il punto gambero (punto ideale per fare bordi in rilievo).

Ma com’è il punto gambero? Si comicia al termine della riga lavorando all’indietro (da sinistra a destra) a maglia bassa puntando l’uncinetto dal davanti sotto la penultima maglia; gettare il filo sull’uncinetto e ritirare la maglia; gettare il filo sull’uncinetto e passarlo dentro le due asole che avete nell’uncinetto.

punto gambero uncinetto, punto gambero, cestino all'uncinetto, portagioie uncinetto, crochet basket,

Steli dei fiori.

Gli steli dei fiori sono tre e vanno fatti lunghi almeno il doppio della circonferenza del cestino. Si lavora con il cotone verde a maglia bassa intorno al filo di carta animato ( vedi un esempio anche qui). Poi si intrecciano a mano gli steli tra di loro, in modo da formare una treccia.

Treccia

La treccia va fissata  intorno al cestino (cucita a mano o incollata con colla a caldo), fino a fare un giro completo. La parte eccedente della treccia deve rimanere libera sopra al cestino e gli si può dare la forma che vogliamo.

cestino uncinetto, portagioie uncinetto, portagioie fai da te, portagioie fatto a mano, cestino fettuccia, lavori fettuccia, schema uncinetto,

A questo punto mancano solo i fiori.

Per non annoiare troppo e dare la possibilità di preparare intanto il portagioie, vi do appuntamento al prossimo post  Fiori all’Uncinetto – Parte 3.

Ah! Ricordo che le misure, il numero di maglie, i colori e il tipo di materiale possono essere cambiati a vostro piacere. L’idea rimane, il risultato ovviamente cambierà.

Buon Lavoro.

Per eseguire il Cestino Portagioie Floreale leggi tutto il tutorial:

Cestino Portagioie ad Uncinetto Parte 1: la Descrizione

Cestino Portagioie ad Uncinetto Parte 2: il Cesto

Cestino Portagioie ad Uncinetto Parte 3: I Fiori

E non è finita! Leggi anche questi:

12 comments to Tutorial: Cestino Portagioie ad Uncinetto-Parte 2

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.