Novità Filo di Carta: interessante alternativa per lavorare all’uncinetto

Scritto da Doria
Pubblicato in Crochet con  15 commenti
filo di carta, uncinetto con filo di carta,

Uno dei pensieri fissi che ho -e che credo abbiano in tante- è quello di lavorare all’uncinetto o a maglia sperimentando filati alternativi e diversi dai classici lana e cotone.
Così quando qualche settimana fa su Opitec ho scoperto che c’era un interessante filo di carta dai colori pastello come piacciono a me, mi sono incuriosita e l’ho voluto provare: è creativissimo!

filato-di-carta-gomitoli

Com’è fatto il filo di carta

Il filato in questione si chiama Creative Paper ed è una via di mezzo tra la rafia e il filo finlandese ma non è ne l’uno né l’altro.
L’aspetto è proprio quello di una fettuccia di carta, molto leggera semplicemente piegata su se stessa e non attorcigliata e, al contrario di quello che si può pensare, se si tira nella sua lunghezza non si rompe. Si rompe solo strappandolo nella sua larghezza, cosa che è anche comoda perché quando si termina il lavoro non c’è bisogno di usare le forbici. 🙂

filato-di-carta-1 filato-di-carta-2

Come si lavora e cosa fare

Per farmi venire l’ispirazione e vederne il risultato, ho voluto prima lavorare qualche campione in modo da capirne la resa e il numero di uncinetto da usare e mi sono accorta subito che il Creative Paper  si lavora come un qualsiasi altro filato. Certo, un po’ mentre si lavora “suona” e non è morbido come il cachemire (oh signore, è carta 🙂 ), ma si presta davvero per fare un sacco di cose soprattutto estive perché è leggero, colorato e fresco.

Per esempio lavorando questo filo di carta con l’uncinetto mi sono venuti in mente un sacco di lavori che si potrebbero fare tipo borse estive, sacche mare, cappelli parasole, pochette per la spiaggia, tende per porte, copri e appendi vasi di fiori, runner, tovagliette, sottopiatti e sottobicchieri per casa o per il tavolo del giardino come ho fatto io.

filato-di-carta

Si può lavare, stirare e anche cucire!

Nella fascetta è riportato che si può lavare a mano e nonostante ci sia il simbolo “no stiro”, una volta terminato il mio lavoro all’uncinetto, io ho provato a stirarlo ed è venuto benissimo!
Ovviamente il lavoro perde volume e si schiaccia, ma era proprio quello che volevo ottenere per i miei sottobicchieri e sottopiatti all’uncinetto (sicuramente per altri lavori come borse o cappelli non c’è bisogno del ferro da stiro).

filato-di-carta-cucito

Inoltre -udite udite- io ho provato anche a cucirlo! Sissignore.
Ho cucito il lavoro all’uncinetto con questo filo di carta e non si rompe. Anzi, la cucitura se fatta con un punto ricamo, dona al lavoro un’effetto molto particolare e piacevole da guardare.

Sottopiatti e sottobicchieri all’uncinetto con il filo di carta

sottopiatti-sottobicchieri-uncinetto filo di carta

Ecco quello che ho creato con il filo di carta Creative Paper.

È un allegro e colorato set di 6 sottopiatti e 6 sottobicchieri all’uncinetto (due per colore) da usare in casa come decorazioni o sul tavolo del giardino in occasione di allegre merende o cene all’aperto con gli amici.

sottopiatto-sottobicchiere-uncinetto-filo-di-carta

Se ne possono creare tantissimi (quadrati come ho fatto io oppure rotondi, ovali, rettangolari) scegliendo tra i colori a disposizione, magari coordinati con le stoffine in cotone dalle fantasie più disparate che ho trovato sempre su Opitec.

stoffe

Prezioso suggerimento

Per rendere questi sottopiatti e i sottobicchieri ancora più attraenti e belli è possibile trattarli con gli indurenti per tessuti.
Il lavoro così sarà più rigido e bello ed anche resistente all’acqua, il che per un sottobicchiere o sottopiatto (o qualsiasi altro lavoro fatto con il filo di carta) è molto interessante!

sottobicchieri-uncinetto-filo-di-carta

Che ne dici, ti piacciono?
Se ti sei incuriosita e vuoi provare a fare il mio set da tavola all’uncinetto con il filo di carta, il materiale che ho usato lo trovi su

opitec →gomitoli di Creative Paper
→pacco di tessuti mix

mentre se sei interessata anche al tutorial lo troverai nel prossimo post. Ce la fai ad aspettare? 😉

P.s. Ringrazio Opitec per il materiale offerto. #ILOVEOPITEC!

Top