FattoreMamma Network

Foto fai-da-te, 3° parte: gestire lo sfondo

lo-sfondo
Scritto da Lulu il
Pubblicato in Collaborazioni Foto fai da te Guest Post Stampabili Tutorials Tutti i Post con  119 commenti

Ed eccoci arrivate alla terza e ultima (ahimé) puntata di questo corso intensivo.

Abbiamo imparato (spero) come riconoscere e correggere gli errori, abbiamo visto come illuminare un piccolo set fotografico utilizzando oggetti di uso comune, oggi vi spiegherò come gestire lo sfondo. Prima di lanciarci nell’intrepida costruzione di improbabili fondali artigianali, però, parliamo di qualcosa che vi tornerà molto utile quando non avrete tempo o materiali per “creare” uno sfondo per fotografare i vostri oggetti.

La parola magica è “sfocare”. Per evitare che lo sfondo interferisca con l’oggetto che state fotografando, lo sfondo si può sfocare.

O meglio, lo sfondo si “deve” sfocare. Anche quando avrete a disposizione ettari di stoffa o cartoncino per il vostro fondale, probabilmente non vorrete che siano ben visibili tutte le macchioline, pieghe e imperfezioni che qualsiasi materiale ha per natura. Quindi, lo sfondo si deve sfocare, nel limite del possibile.

Ma come si fa a sfocare lo sfondo?

Molti fotoamatori, interrogati a bruciapelo, risponderanno probabilmente che bisogna “aprire il diaframma”. È vero e non è vero… di certo aumentare l’apertura del diaframma diminuisce la profondità di campo e bla bla bla… però. C’è un però. Anzi, ce ne sono vari.

  1. Il primo “però”, è che molte lenti amatoriali (incluse quelle della maggior parte delle compatte) non sono molto “luminose”, il che vuol dire che il diaframma non si può aprire così tanto da causare uno sfocato evidente “a prescindere”. A prescindere da che? Lo vediamo tra poco ;)
  2. Il secondo “però” è che la maggior parte delle compatte (e molte compattone) non permettono di intervenire manualmente sull’apertura del diaframma
  3. Il terzo “però” è che anche avendo lenti luminosissime, aprire troppo il diaframma può penalizzare dettagli importanti dell’oggetto che stiamo fotografando (effetto “lama di rasoio)
  4. Il quarto “però”… è che aprire il diaframma “e basta”, spesso non è sufficiente a sfocare lo sfondo!

Quindi per adesso lasciamo stare il diaframma: se sapete cos’è e come funziona, non c’è bisogno che ve lo spieghi io. Se non avete idea di cosa sia, allora non vi serve! ;)

Guardate le due foto qua sotto. Mentre nella prima sono ben visibili le macchie della parete (sì, lo so, dovrei dare una sistemata a quella parete!), nella seconda è tutto più “compatto”.

Foto fai da te
2,5″ @ f/4.5 – 70mm – ISO: 200 – WB: ombra – EV: 0

Eppure, sono state scattate nella stessa stanza, con la stessa fonte di luce, sullo stesso tavolo e con gli stessi settaggi (iso, zoom, tempo, diaframma, wm). Avete letto bene: stesso diaframma.

Chi scopre la differenza?

Mumble, mumble, mumble… Qualcuno ha detto “la distanza dallo sfondo”? :)

Regola n. 1: allontanare l’oggetto dallo sfondo

Ne avevamo già parlato, è arrivato il momento di approfondire il concetto. Più allontaniamo l’oggetto dallo sfondo, più lo sfondo apparirà fuori fuoco e, di conseguenza, compatto e “morbido”.

Date un’occhiata a questa sequenza di foto, in cui sono partita con i vasetti praticamente poggiati alla parete di fondo, per allontanarli gradualmente fino al bordo del tavolo:

Foto fai da te, fondali set fotografico, set fotografico fai da te, sfocare lo sfondo
2,5″ @ f/4.5 – 70mm – ISO: 200 – WB: ombra – EV: 0

Ho scurito l’immagine per evidenziare i dettagli della parete: guardate come la crepa, ben visibile nella prima foto, sia quasi scomparsa nella terza. Eppure, ci sono solo 50 cm di differenza!

Quindi, quando utilizziamo un tavolo o un mobile come base d’appoggio, conviene posizionare l’oggetto vicino al bordo dal nostro lato. Nel momento in cui studiamo gli spazi a nostra disposizione, cercheremo di sfruttarli per prima cosa nel senso della lunghezza.

Regola n. 2: aumentare la focale

Il che, tradotto per i comuni mortali, vuol dire “aumentare lo zoom al massimo“.
Il “massimo” vuol dire:

  1. il massimo che vi permette la vostra fotocamera: come dicevo all’inizio, ci vorrebbe almeno uno zoom 4x, il che equivale all’incirca a una focale di 100mm su una reflex
    (ma se avete una reflex e lenti abbastanza luminose, una focale 50mm o 70mm andrà benissimo, a patto di mantenere il diaframma entro f/4.0)
  2. il massimo che vi permette lo spazio che avete a disposizione… per allontanarvi! Ovviamente, infatti, se aumentate lo zoom, vi dovete anche allontanare dall’oggetto per mantenere la stessa inquadratura.

Penso si capisca meglio con un esempio. Nella sequenza qui sotto, ho posizionato la tazzina a una distanza fissa (circa 1mt) dallo sfondo; poi ho cercato di mantenere la stessa inquadratura allontanandomi e aumentando gradualmente la focale (cioè, il fattore di zoom), da 24 mm (circa 1x), fino a 200mm (circa un 8x).

Foto fai da te, set fotografico fai da te, fondali fai da te, sfocare lo sfondo,
1/60″ @ f/3.5 – 24-70-200mm – ISO: 1250 – WB: tungsteno – EV: +1

Nella prima foto, lo sfondo è ben visibile e crea una discreta confusione: ma guardate come, nella terza foto, gli stessi oggetti appaiono sfocati e… enormi! Si tratta di un fenomeno di appiattimento prospettico causato proprio dall’uso di una focale lunga.

Per questo motivo, usare lo zoom evita anche che l’oggetto risulti deformato (guardate com’è diversa la tazzina nella prima foto: si tratta della distorsione grandangolare, che diminuisce man mano che si aumenta il fattore di zoom).

Conclusione: nel limite del possibile, usate lo zoom al massimo.

Nota: quando parlo di zoom, mi riferisco ovviamente allo zoom ottico. Disattivate lo zoom digitale, è uno zoom “finto”, non avvicina veramente l’immagine: è come ritagliare la foto dopo averla scattata e ingrandirla con Photoshop. Una porcata, in poche parole. :)

Oggetti utili

Ora che sappiamo come sfruttare al meglio i nostri spazi per rendere lo sfondo “meno disturbante” possibile, vediamo quali oggetti possiamo usare per “costruire” un fondale. Può essere una buona idea, quando l’unica tovaglia disponibile è vagamente kitsch, e la parete della cucina ha evidentemente bisogno di essere rasata e ritinteggiata (e ogni riferimento a me stessa è puramente casuale!)…

Oltre agli oggetti che avete in casa che possono essere utilizzati come base d’appoggio per altri oggetti (scatole, libri, barattoli, ecc.), ci torneranno immensamente utili:

  • carta e cartoncino di ogni forma e dimensione (tinta unita, fantasia, bianca, a quadretti, ecc.)
  • tessuti vari
  • scotch di carta
  • un righello o una stecca di legno

E poi ovviamente tutto quello che abbiamo utilizzato nel post precedente per gestire la luce: lampade, pannelli riflettenti, diffusori artigianali, ecc.

Un semplice fondale grigio scuro

Torniamo al nostro ultimo set: i due vasetti illuminati con la lampada, il foglio di carta da forno e il vassoio dorato:

Foto fai da te
1/13 @ f/4.5 – 70mm – ISO: 200 – WB: tungsteno – EV: 0

Il risultato non sarebbe male, ma… sì, decisamente quella parete ha bisogno di una sistemata, e la tovaglia kitsch, poverina, di suo non ha fatto niente di male, ma non c’entra proprio niente con quei due vasetti. Non sarebbe meglio un semplicissimo fondale neutro, magari grigio scuro?

Foto fai da te
1/6 @ f/4.5 – 70mm – ISO: 200 – WB: tungsteno – EV: -1

Ecco ciò che in casa vostra, già lo so, non mancherà mai più: il cartoncino bristol. Flessibile, solido, prodotto più o meno in tutti i colori pensabili, e soprattutto disponibile in formati abbastanza grandi da essere usato come fondale anche per oggetti più impegnativi: un 50×70 basta e avanza per la maggior parte degli oggetti piccoli e medi, mentre il 70×100 va bene per oggetti più grandi come un grosso vaso, una borsa da mare o un album fotografico 30×30.

Il segreto per avere uno sfondo perfettamente omogeneo, è curvare dolcemente il cartoncino in modo che non faccia pieghe. Potete fissarlo al tavolo e alla parete usando scotch di carta: lo scotch di carta è innocuo, non rovina l’intonaco, non tira via la carta da parati, viene via senza lasciare segni.

Più spazio avete a disposizione in profondità, più potrà essere morbida la curva, con un effetto ovviamente più gradevole.

Nota n. 1: avete visto come risalta la rim light dorata su fondo scuro?

Nota n. 2: quando si usa un fondale molto scuro (nero o grigio antracite, come in questo caso), bisogna compensare l’esposizione perché tutto quel nero inganna l’esposimetro. Qui ho dovuto sottoesporre di -1.

Un telo di lino per uno sfondo neutro

Il fondale nero, grigio o bianco è quello che si usa per andare sul sicuro quando si fotografa un oggetto e non si vogliono elementi di disturbo. Può risultare però un po’ troppo freddo.

Guardate come cambia completamente il mood della foto, sostituendo il vassoio dorato con un coperchio argentato (quelli delle vaschette di alluminio), e rimpiazzando il cartoncino bristol con un telo di lino volutamente stropicciato…

Foto fai da te
1/6″ @ f/4.5 – 70mm – ISO: 200 – WB: tungsteno – EV: 0

Ecco il risultato in grande: decisamente un’ambientazione più adatta a questi due vasetti, e poco male se si vedono ancora le imperfezioni sulla parete, che adesso sono perfettamente in linea con il resto del set!

Foto fai da te
1/6″ @ f/4.5 – 70mm – ISO: 200 – WB: tungsteno – EV: 0

Sfondi colorati e un portafondale per piccoli oggetti

E cosa facciamo se non possiamo poggiare il cartoncino sulla parete? Ad esempio, se utilizziamo come base d’appoggio un tavolo al centro di una stanza. Semplice, con qualche pila di libri e una stecca di legno o un righello (io avevo a portata di mano una squadra da 30cm), possiamo costruire un portafondale:

Foto fai da te
1/60″ @ f/4 – 70mm – ISO: 650 – WB: ombra – EV: +0.5

Ho trovato questo blocco di fogli A4 colorati e volevo provare a utilizzarli come fondale per piccoli oggetti: vanno bene per tutto ciò che è non più grande di una tazzina da caffè, il che vuol dire che possono essere utili per quante tra voi realizzano gioielli o piccoli oggetti con le paste modellabili. Per fondali più grandi, cartoncino bristol tutta la vita, e potete comunque realizzare un portafondale: bastano due sedie e un manico di scopa (o una stecca di legno) al posto dei libri e della squadra.

Tornando ai fondali colorati: guardate come cambia l’effetto cambiando il colore dello sfondo:

Foto fai da te
1/60″ @ f/4 – 70mm – ISO: 650 – WB: ombra – EV: +0.5

Il bianco va sempre bene, ma se usate il colore, cercate di coordinarlo con ciò che state fotografando!

Inserire altri oggetti nello sfondo

Perché no: ricordatevi però, in questo caso, di “prolungare” il fondale in modo da avere più profondità a per ottenere uno sfocato soddisfacente (io ho usato un altro foglio A4 messo nel senso della lunghezza)

Foto fai da te
1/60″ @ f/4 – 70mm – ISO: 650 – WB: ombra – EV: +0

Effetto “wet floor”

Ovvero, pavimento bagnato: è un espediente non adatto a tutti gli oggetti, ma per alcuni è particolarmente indicato. Si tratta di creare un riflesso, come se la superficie d’appoggio fosse bagnata. Realizzarlo non è difficile: basta avere un materiale lucido e trasparente da posizionare sotto all’oggetto.

Ma prima di entrare nel dettaglio, diamo un’occhiata a queste due foto:

Foto fai da te
1/60″ @ f/3.5 – 70mm – ISO: 640 – WB: ombra – EV: 0

Il riflesso è molto più visibile se utilizziamo un fondale a contrasto con l’oggetto che stiamo fotografando. Quindi ho scelto, per questo esempio, una coppia di fogli rosso acceso (e la tazzina con l’interno rosso).

Come si crea il riflesso? Ci vuole una superficie lucida. Un vetro trasparente, o uno strato di plexiglass. Oppure, meglio ancora, un foglio di acetato.

Acetato? e dove accidenti lo andiamo a prendere, un foglio di acetato? Guardate un po’ qui…

Foto fai da te
1/60″ @ f/3.5 – 70mm – ISO: 640 – WB: ombra – EV: 0

Ho riciclato la copertina lucida di una vecchia dispensa rilegata in copisteria. Ma i lucidi da proiezione e le scatole delle camicie (quelle trasparenti) vanno altrettanto bene.

Ora, attenzione a una cosa: avete notato quell’alone giallo ocra nella parte bassa dell’immagine? È il riflesso della parete alle spalle del “set”. Non è brutto, lo potremmo anche lasciare. Ma oggi è l’ultima puntata, e voglio essere un po’ perfezionista!

Foto fai da te
1/60″ @ f/3.5 – 70mm – ISO: 640 – WB: ombra – EV: 0

Bisogna andare un po’ a tentativi, ma posizionando sulla parete un’altra coppia di fogli rossi, sono riuscita a “infilare” loro nel riflesso, anziché la parete ocra.

E questo è il risultato finale, in grande. Realizzato con quattro fogli di carta rossa, un righello, due pile di libri, una finestra e un foglio di carta stagnola: alla faccia dello studio fotografico “professionale” ;)

Foto fai da te
1/60″ @ f/3.5 – 70mm – ISO: 640 – WB: ombra – EV: 0

Conclusioni e una piccola provocazione

Con questo siamo giunte alla fine di questa breve ma intensa gita nella fotografia di oggetti. Spero di non essere stata troppo tecnica ma neanche troppo approssimativa: l’argomento è immensamente vasto e quelle che spero di avervi dato sono solo alcune basi da cui prendere spunto.

Quanto alla provocazione… vi ricordate quando, nel primo post, ho scritto che anche una “compattina da 70 euro” è sufficiente per fare buone foto?

Mi sono ritrovata in casa una piccola BenQ che non ricordavo neanche di avere: l’ho comprata nel 2008 a 65 euro (era in offerta da Euronics) perché mi andava di avere qualcosa da poter portare sempre dietro, poi l’ho usata pochissimo perché, abituata alla reflex, la compattina è un mezzo troppo limitante. Ho deciso che dopo 3 anni si è meritata il suo momento di gloria.

È un giocattolino tascabile che può scattare foto meravigliose (ehm…) come queste qui:

Foto fai da te
Camera: BenQ DC C850 – modalità AUTO

Oppure… avendo la pazienza di perdere 5 minuti d’orologio a montare il cavalletto e allestire un minimo di set …
(non fate caso alla gatta, sta sempre in mezzo e ruba cose)

Foto fai da te

Può fare foto come questa:

Foto fai da te
Camera: BenQ DC C850 – 1″ @ f/5.6 – Zoom: 3X – ISO: 50 – WB: tungsteno – EV: -0.3

O come questa:

Foto fai da te
Camera: BenQ DC C850 – 0.5” @ f/5.6 – Zoom: 3X – ISO: 50 – WB: tungsteno – EV: +1

La morale della favola, se ce n’è una, potrebbe essere:

piantatela di lamentarvi della vostra macchina fotografica, trattatela bene, e lei vi ricompenserà! ;)

Un saluto a tutte, un abbraccio a Doria, e fatemi sapere tramite commento se state riuscendo a mettere in pratica i miei consigli, se avete difficoltà o dubbi… eccetera. Mi farebbe piacere vedere i vostri lavori.

E adesso… filate a fotografare, subito! ;)

Luciana

***

Questa era la terza lezione del corso di Fotografia per blogger. Se ti è piaciuta e vuoi dirci grazie per questo importante lavoro svolto per te, ti basta cliccare sul pulsante “Mi piace” all’inizio dell’articolo; oppure condividilo su Fb o su un altro social network, oppure prendi il banner e passaparola.

corso di fotografia, still life, lezioni di still life

Se vuoi il banner copia il codice qui sotto

<p><a href=”http://www.unideanellemani.it/foto-fai-da-te-lezioni-di-still-life-di-luciana-ognibene” target=”_blank”><img src=”http://www.unideanellemani.it/wp-content/uploads/2011/08/fotofaidate.jpg” /></a></p>


Anche se le lezioni sono finite, questa preziosa
guida per imparare a fare foto agli oggetti e alle creazioni, suddivisa in tre parti, rimarrà sempre  on line su unideanellemani.it a disposizione di tutti nella categoria Foto fai da te. Se lo avete fatto in queste settimane, continuate ad esercitarvi e se volete postate nei commenti di questo articolo, il link del vostro post dedicato. Ci farà piacere vederne i risultati.

Come per la lezione “foto fai da te 1° parte: errori comuni” e per la lezione “foto fai da te 2° parte: la luce“, ho fatto anche per la lezione di oggi, un PDF in versione da stampare e lo trovate nella pagina  dei PDF free.

Io e Luciana vi aspettiamo come sempre nello spazio dei commenti.  ;-)


Doria

***

Leggi anche le altre lezioni:

Foto fai-da-te, 1° parte: errori comuni
Foto fai-da-te, 2° parte: gestire la luce