Hobby e Lavori Manuali: Ogni Tanto Provi a Cambiare?

Scritto da Doria
Pubblicato in Artigianato e Hobby Quattro Chiacchiere Ricamo con  65 commenti

E’ risaputo che dedicarsi ad un lavoro manuale o al proprio hobby preferito sia estremamente piacevole e regali momenti di relax. 

C’è chi ama fare sempre e solo il proprio hobby preferito abbandonandosi a gesti e movimenti che già conosce e chi preferisce esplorare  tecniche diverse, cercando ogni volta nuovi stimoli per lavorare, usando materiali e arnesi particolari mai provati. Chissà, forse dipende dal carattere o forse solo dal bisogno di soddisfare  esigenze che sono diverse per ognuno di noi.

Io faccio parte di quella folta categoria di “esploratrici”che c’ha la fissa della scoperta. 

Per dire, ti è mai capitato di voler per forza imparare una tecnica strana vista sul web? Di voler usare un materiale particolare per fare una cosa per cui non è nato? E di voler comprare  un arnese mai visto prima, solo perché è l’ultima novità per fare X cose (anche se poi sai che finirà in un cassetto)?

In questo senso io non mi sono fatta mancare niente (a parte spese pazze che non ho mai fatto).

Ho provato a lavorare con il tricotin, con la forcella, con il telaio, con i ferri circolari (che ancora non riesco ad usare) ho provato ad infeltrire ad acqua, ad aghi, a tagliare il legno, a fare l’uncinetto con il filo di rame, con il filo di plastica, con lo spago e, come si dice in questi casi, eccetera…eccetera…eccetera.

Ho provato. Provare non significa ovviamente diventare esperti. Vuol solo dire fare nuove esperienze, mettersi alla prova incontrando nuove difficoltà e soddisfare la propria curiosità. Tutto qui.

La settimana scorsa  “ho provato a  ricamare“.

Non dico che non l’avessi mai fatto prima (mia mamma che sapeva ricamare bene, qualche volta mi aveva spronato a farlo), ma fra me e il ricamo non c’è mai stato un grande feeling.

Invece la settimana scorsa dicevo ho dovuto/voluto ricamare un logo (quello di FattoreMamma) su una piastrella di lana all’uncinetto: due difficoltà in una botta sola: ricamare fedelmente un logo e farlo su lana.

Non solo mi è piaciuto, ma mi si è aperto un mondo. Hai presente quando fai qualcosa di nuovo e mentre lavori ti si aprono in testa un sacco di finestre e dentro ad ognuna di quelle finestre c’è un progetto diverso che vorresti fare con quella tecnica? Ecco, è successo proprio così.

Però di quello che ho fatto, di come mi sono ingegnata e delle difficoltà che ho trovato a ricamare,  te ne parlo un’altra volta.

Quello che invece sono curiosa di sapere è se anche per te è così.

Ti piace la scoperta o rimani fedele al tuo hobby preferito?
Ti è mai capitato di provare qualche tecnica creativa nuova che poi non hai più abbandonato?

Top