L’amico robot che tutte le donne vorrebbero avere

Scritto da Doria
Pubblicato in in vetrina con  4 commenti

Quando ero piccola la Tv dei Ragazzi passava un cartone animato che raccontava la storia di una famiglia del fututo, i Jetson.

Con gli occhi di bambina di quelle storie ammiravo molti degli oggetti che oggi sono diventati realtà ed in genere erano gadget divertenti che stimolavano la mia fantasia, come il cane parlante, le macchine volanti, gli enormi televisori appesi alle pareti come quadri, il cellulare.
Poco rilievo davo, allora, al robot tuttofare che cucinava, puliva e rispondeva al telefono.

Mi accorgo solo adesso -si insomma almeno da quando mi sono sposata- di quanto ad una donna che lavora possa far comodo qualcuno che faccia le pulizie e le faccende di casa al posto suo.
Che poi questo qualcuno sia una persona in carne ed ossa -leggasi donna delle pulizie- o un robot autonomo, non è un dettaglio da poco.

Nel primo caso infatti sei costretta a:

  1. cercare una persona fidata da far entrare in casa tua anche quando non ci sei,
  2. farle vedere che non sei proprio la persona più ordinata del mondo
  3. ripiegare a chiedere aiuto alla suocera o alla mamma (ipotesi da scartare nella maggior parte dei casi)
  4. trovare un giusto compromesso con il tuo Lui

Quest’ultima ipotesi consiste
o nel trovare un accordo sulle mansioni da dividersi (tu i piatti, lui i pavimenti),
o sollevarlo da ogni possibile richiesta di aiuto solo a patti che il prossimo Natale ti regali uno di quei cosi super fighissimi che girano per casa altezza rasoterra e che puliscono tutto anche quando non ci sei.

pulizia-aspirapolvere-roomba-980

Per esempio, prendiamone uno a caso (a caso eh! 😛 ): il Roomba 980, che io non ho -gneee- ma che vorrei tanto avere.

Roomba 980 è un robot aspira polvere/peli di animali domestici/briciole/schifezze varie/ecc.  che entra e gira ovunque (in questo batte sicuramente la suocera) pulendo tutta la casa anche negli angolini più bassi e nascosti dove tu con la scopa non entreresti neanche dopo due anni di yoga. Basta dargli il via e Roomba pulisce per due ore ininterrottamente adeguando la potenza di aspirazione a seconda della superficie da pulire (pavimento, tappeto) e ricaricandosi da solo quando la batteria sta per finire.

pulizie-aspirapolvere-roomba-980

Grazie ai suoi sensori, Roomba riesce a concentrarsi nei punti dove è più necessario, senza mai tralasciare lo sporco o farlo aggrovigliare nelle resistenti spazzole di gomma. Da bravo robot di nuova generazione, riesce anche a muoversi con delicatezza nella stanza da pulire, aggirando dolcemente gli arredi, gli ostacoli o gradini e ne esce solo quando è perfettamente aspirata, anche lungo i bordi delle pareti.

130x130Purtroppo però io il #Roomba980 non l’ho provato, ma non ho dubbio che sarà un regalo di Natale molto ambito…anche dalle suocere! 😉

[Post in collaborazione con Nital]

Top