Metterci la faccia

Scritto da Doria
Pubblicato in Quattro Chiacchiere con  32 commenti

Le blogger si dividono in tre categorie: quelle che pubblicano con disinvoltura le foto di sé, quelle che non le pubblicano affatto, e quelle che le scattano…vorrebbero…gli piacerebbe…ma finiscono per pubblicarle eliminando la faccia con un bel taglio sotto al mento. Io sono una di queste.

C’è una canzone di Mario Venuti che dice Bisogna metterci la faccia che tu non voglia o che ti piaccia…Chissà che non abbia ragione.

In realtà  la faccia io ce l’ho già messa: è cosa rara, ma qua e là sul blog c’è, basta cercarla. E poi comunque ho scritto chi sono, che cosa faccio, che cosa mi piace, mai nascondendomi dietro ad un nick. Ho sempre parlato in maniera chiara e sincera, “dandomi” quel che basta, senza eccedere. 

La mia è una scelta. Non scrivo cose troppo personali e cerco di rispettare poche ma chiare regole che mi sono data per mantenere sempre fermo l’oggetto del mio blog e per non travasare la mia vita privata qui. 

Ché in fin dei conti, il blog non è nato come un diario di bordo, ma come un posto dove condividere le mie passioni con chi ha le mie stesse passioni. Mi piace e faccio il possibile perché  il blog abbia contenuti utili, che alterno ogni tanto con post futili. E per ora va bene così.

Ma per le foto?

Nel mio caso è un po’ come la storia dei cappelli: mi piacciono da morire, me li faccio, me li compro, li provo davanti allo specchio, ma poi prima di uscire dalla porta di casa me li tolgo perché mi vergogno e quindi finisco per invidiare chi con disinvoltura li porta.

Con le foto da pubblicare sul blog è uguale:  mi piace(rebbe) farmi foto con indosso qualcosa che ho fatto (che ne so, un poncho, uno scialle, una sciarpa -una volta c’ho anche provato-), ma non riesco a pubblicarle (e neanche a mettermi in posa) perché mi vergogno e quindi, come per i cappelli,  finisco  per invidiare chi invece con disinvoltura lo fa.

In questi casi  ricorro al mio manichino che, è vero non ha una faccia da guardare, ma almeno non ingrassa mai e non fa storie quando gli fai due click. 

Però guardo ammirata quelle blogger che si fanno fotografare come fossero navigate fotomodelle: disinvolte, naturali, sorridenti e belle come il sole, si fanno vedere senza farsi tanti problemi  e tu per forza di cose ti affezioni a loro che con spensieratezza ci hanno messo la faccia.

C’è da dire però che farlo e farlo bene non è cosa da tutti. E non mi riferisco al fatto di essere giovani, magre e belle. No non c’entra. Penso piuttosto a chi riesce, con la propria foto, a trasmettere naturalezza e semplicità, a chi una posa non la cerca ma ce l’ha di suo in ogni gesto che fa. A chi risulta simpatica a pelle senza dover ricorrere a smorfie o pose strane. Di blogger così ce ne sono e mi piacciono.

Ecco, io non è che ho deciso che no. Per il momento ci penso, ma sicuramente continuerò a fare come faccio con i miei cappelli.

E tu che blogger sei? Ti fotografi e pubblichi le tue foto tranquillamente o ti fai mille problemi e usi il … metodo ghigliottina?

Top