cropped-logo.png
Cerca
Close this search box.

Abito con cerniera dietro: la soluzione della nonna

abito con cerniera, vestito con zip, abito vintage, abito anno 60,

L’abito con la cerniera dietro è quella cosa che ti fa davvero capire l’importanza di avere un marito.

Sissignora, hai mai provato a chiuderla da sola? E’ un’operazione da vere contorsioniste!

Tant’è che dentro l’armadio i vestiti con la zip dietro la schiena, di solito si contano sulle dita di una mano. Chissà perché…

Ora, mettiamo comunque il caso che per andare ad una cena importante tu voglia mettere proprio quel tubino nero con quella cerniera dietro là. Mettiamo anche il caso che tu non abbia  un marito/compagno (o magari c’è  ma è impegnato a farsi la barba e non lo puoi chiamare). 

Ok, la prima parte la tiri su da sola. Ma poi? Quando sei al punto in cui al tuo braccio piegato all’indietro manca proprio quel niente per arrivare al “pispolo” della zip ma non ci arrivi, che fai?

E qui arrivo io. No, che hai capito mica vengo a chiuderti la cerniera!
Ti dico solo come fare a chiudertela da sola.

Così:

abito con cerniera, vestito con zip, abito vintage, abito anno 60,

Ho trovato questa struziantissima vintaggissima divertentissima idea  sulla mia collezione de la Domenica del Corriere, anno 1961.

Basta un nastro, un gancetto ad uncino e la cerniera è chiusa in un…lampo!

Però se a te fa piacere che tu marito venga a tirarti su (magari anche giù  😎 ) la cerniera, fai finta che non ti abbia detto niente.

Se sei single invece… prendi pure appunti.

doria-chi-sono-rss-2-1

Questo post ti è piaciuto ?
Salvalo e condividilo
con i tuoi amici !

Iscriviti alla Newsletter

Ti consiglio anche...

35 risposte

  1. Curiosità: ma è davvero così difficile allacciare una cerniera sulla schiena? Cioè, io sono un uomo e spesso prendo in giro la mia ragazza perché non ci riesce e, dopo mille contorsioni, è costretta a farsi aiutare dal sottoscritto. Così, una volta, mi ha detto di provare ad allacciare io uno dei suoi vestiti da dietro. Nonostante mi fosse strettissimo ed io non sia proprio così sciolto, ce l’ho fatta con un po’ di fatica. Per cui mi chiedevo perché voi donne, che tra l’altro avete mediamente una mobilità articolare maggiore di quella degli uomini, non ci riusciate. Se mi deste delucidazioni sulle vostre difficoltà e su come orecisamente cerchiate di fare per allacciare il vestito, forse vi posso dare consigli: altro che inutili aggeggi, viva le sane vecchie braccia xd.

    1. Ciao Arturo, è un dogma, prendilo così. 😀

      Comunque c’è un punto morto che si raggiunge male con le braccia sia che si arrivi da sotto sia che si arrivi da sopra. Non è impossibile ma difficoltoso…un po’ come darsi lo smalto con la sinistra: se c’è qualcuno che te lo stende al posto tuo è meglio 😛
      E poi comunque la soluzione è rivolta soprattutto a quelle donne che non hanno nessun Arturo disponibile nelle vicinanze 😉

      1. Sì sì, avevo capito il target della soluzione. Comunque, quando arrivate al “punto morto”, consiglio di provare a piegarvi in avanti, ché così guadagnate qualche millimetro che può essere vitale. Oppure, cercate di spingere in su la cerniera usando il braccio con il palmo della mano rivolto verso l’esterno e il dorso che vi tocca la schiena: con l’indice o il medio dovreste riuscire a toccare il meccanismo che fa chiudere la lampo e a fargli fare quel “great leap forward”, il grande balzo in avanti, che vi consente poi di afferrarlo da sopra e concludere l’opera. In linea di massima, se da sole riuscite a grattarvi ogni parte della schiena, a spalmarvi la crema sulla schiena o a far passare una mano da sopra e l’altra da sotto e a stringervi la mano da soli dietro la schiena, allora dovreste riuscire ad allacciarvi il vestito da dietro. Altrimenti, se non avete il vostro “Arturo” di fiducia lol, può essere una buona occasione per iniziare a fare un bel po’ di sana e salutare attività fisica.
        Comunque, tanto per dover di cronaca, non è un caso se alcuni vestiti femminili sono molto difficili o scomodi da indossare: il mondo è sempre lo stesso e non cambia mai e si sta solo facendo sopravvivere lo strascico di usanze ed abitudini che volevano le donne sottomesse o sotto controllo, coma da buona tradizione cristiana. Non è un caso se in passato molti vestiti erano stretti fino ai limiti del tollerabile (guai a far vedere qualche parte scoperta), e non è un caso se alcuni vestiti di oggi siano difficili da indossare e richiedano spesso un partner, cioè, guarda caso una forma di controllo sulla donna. Mi scuso per la tirata, ma la sociologia dell’abbigliamento rimane una materia molto attuale ed interessante, che ci fa capire come su certe cose, che magari ci sembrano delle inezie, abbiamo ancora tanto da progredire (chissà perché non esistono vestiti con la cerniera sulla schiena per uomini, ad esempio).
        Mi sa che dopo questo sermone non riuscirà più a vedere i vestiti con gli stessi occhi xd. Scherzi a parte, colgo l’occasione per ringraziarla della risposta e per dirle che trovo molto interessanti i suoi articoli e le faccio i complimenti.
        P.S. mi tolga una curiosità, se non sono indiscreto: lei i vestiti con la cerniera sulla schiena riesce ad allacciarseli da sola, senza l’aiuto di aggeggi o di altre persone? Se sì, come fa? Se no, quali sono le sue principali difficoltà?

        1. Ehi ma questa è una tesi! 😀 Non ti do la lode però.
          Quella storia della “forma di controllo sulla donna” per una cerniera non mi convince molto. In fondo anche voi con la cravatta qualche volta avete problemi no? 😉 . E che ne dici dell’orlo da fare ai pantaloni troppo lunghi? Saresti capace a fartelo da solo? 😉

          1. Sì, infatti: sintetizzando molto è stata la mia tesi di laurea triennale. In sostanza era una comparazione fra abito ed abitudini sociali in varie epoche ed are del mondo, dalla Grecia antica all’Europa tardo medioevale, dall’Inghilterra vittoriana al Giappone di fine Tokugawa-inizio Meiji; dai gruppi pop asiatici all’Afghanistan contemporaneo. Siccome vorrei riprendere ed ampliare (e magari chissà, ritrattare) questa tesi e portarla come tesi magistrale, cerco di frequentare il più possibile blog femminili sia italiani, sia inglese, tedeschi o giapponesi (le tre lingue straniere che, più o meno bene mastico), soprattutto ove si parla di abbigliamento. Per questo, la ringrazio per le cortesi risposte e per gli spunti che con esse mi ha dato.

    1. E allora ci dobbiamo trovare un’idea per le lampo senza buco. Per esempio se è una cerniera con il gancetto con la pallina puoi usare una spilla da balia chiuderla “strozzando” la pallina?

  2. Ciao Doria
    qualche sera fa avevo una cena e volevo indossare un tubino che mi snelliva molto, ma con una lunghissima lampo dietro.
    Per indossarlo mi sono fatta aiutare da una vicina, ripromettendomi di fare abbassare la lampo da un’amica prima di andar via a fine serata. Invece me ne sono scordata e son partita per ultima, lanciando disperati segnali con i fari all’unica auto che mi precedeva. Conclusione son dovuta ricorrere al clacson (all’una di notte) per riuscire a fermare la macchina, dalla quale è sceso uno dei pochissimi uomini presenti alla cena… tanto imbarazzo e problema risolto.
    E’ così che ti ho trovata… cercando soluzione per abbassare la zip di un vestito indossato.
    Complimenti

  3. Io invece delle cerniere faccio diventare matto il maritozzo (come dice Doria) ad aiutarmi ad agganciare le collare quelle corte lui sbuffa perché con i suoi ditoni fa fatica a tenere i gancetti. Se lo faccio da sola davanti allo specchio mi si ingarbugliano gli occhi oppure mi fanno male le braccia e il collo.
    Buona Pasqua a tutte voi.

  4. Eccomi!
    Lo dicevo io, che non poteva essere un marito.. loro borbottato sempre se la cerniera s’inceppa.. sono tutt’altro che divertenti (sopratutto se non si sono ancora fatti la barba e la cerniera fa loro perdere tempo).
    Io sono sempre riuscita a tirarla su, ma penso dipenda anche dal modello dell’abito: più aderente è, più quest’idea casca a pennello 😉

  5. Troppo simpatico come trucco. Basta poi riuscire a sganciare la fettuccia, altrimenti bisogna riuscire a far credere che sia un accessorio dell’abito.
    Io ne ho avuto uno solo, la divisa del coro. Prima chiudevo la zip, poi ci strisciavo dentro stile serpente.

    1. Penso che una volta arrivata vicino al collo il gancetto si possa sganciare bene.

      Ma comunque questo è da annoverare tra “i post curiosità” più che come vero trucchetto da mettere in pratica.
      Oh poi non si sa mai…

  6. mmm, io ho già provato a fare una cosa simile: ho agganciato la linguetta della zip con il gancio di una gruccia, quelle sottili di metallo da tintoria… Però non sempre funziona, ci sono quelle zip che van su da sole e altre che se non accosti bene i lembi prima di tirare la linguetta proprio non si chiudono! Mi succede anche con le cerniere davanti o sui fianchi, se son dietro c’è proprio bisogno di non essere sole in casa!

      1. Eravamo in 4 sorelle : di mani a volontà.
        Sai com’è il detto” tutto so e niente conosco” Infarinatura generale ,ma nello specifico ho tanto da studiare.
        laura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sponsor

Rss

Iscriviti alla Newsletter