cropped-logo.png
Cerca
Close this search box.

Come fare cordoncini con avanzi di lana o fili di cotone

come fare cordoncini faida te, riciclo avanzi di lana e fili di cotone

Questo articolo fa parte di quella serie di post che nascono ispirati da domande che ricevo via mail.  Chiara chiede:

vorrei fare dei cordoncini con degli avanzi di fili di lana…so che c’era un sistema per farli a mano ma non ricordo come…

Credo sia la cosa più semplice che mia mamma mi  insegnò a fare quando ero bambina.
Era per me solo un gioco divertente, non rendendomi neanche conto che invece era il modo più veloce ed economico per fare i cordoncini fatti in casa, tipo passamaneria che nelle mercerie costavano così tanto.

Come fare i cordoncini fai da te

Per fare cordoncini tipo passamaneria, basta avere a disposizione avanzi di lana o fili di cotone da riciclare e se ne possono fare veramente di tutti i colori e di ogni dimensione.

Si tagliano i fili circa 3 volte più lunghi della lunghezza che vogliamo ottenere e si mettono “doppi”.

Se si vuole ottenere un cordoncino sottile si usa un solo filo. Per ottenere un cordoncino dallo spessore più grosso vanno utilizzati più fili (in questo caso ho utilizzato 3 fili di cotone, per ottenere un cordoncino di medie dimensioni formato da 6 fili)

come fare cordoncini faida te, riciclo avanzi di lana e fili di cotone

Si annodano i capi ad una estremità e dalla parte opposta ci si aiuta fissando i capi a una parte ferma (qui ho infilato un uncinetto, ma nel caso di cordoncini lunghi va utilizzata ad esempio la maniglia di una porta), poi si girano i fili in modo da attorcigliarli bene stretti.

come fare cordoncini faida te, riciclo avanzi di lana e fili di cotone

Quando i fili saranno ben arrotolati, unendo le due estremità, il cordoncino formato si attorciglierà da solo a partire dal centro. E’ necessario tenere la parte centrale con le mani e cercare di fare in modo che il cordoncino sia liscio ed uniforme.

A cordonicino finito annodare le estremità dei capi.

come fare cordoncini faida te, riciclo avanzi di lana e fili di cotone

L’utilizzo di questo  tipo di passamaneria fai da te è  legato alla vostra fantasia.

Si possono utilizzare sia per l’abbigliamento (da inserire per esempio nella vita delle tute o felpe), che per il  decoro di accessori come borse, cappelli, spille, collane, oppure come rifiniture per l’arredamento, tipo sui cuscini, divani, cappelli per lampade, presine da cucina e tutto quello che vi viene in mente.

doria-chi-sono-rss-2-1

Questo post ti è piaciuto ?
Salvalo e condividilo
con i tuoi amici !

Iscriviti alla Newsletter

Ti consiglio anche...

14 risposte

  1. Tanto semplice quanto geniale! Anche io non conoscevo questo metodo, ma ne farò tesoro!
    Ci tengo a farti tantissimi complimenti per il blog che ho scoperto solo oggi ma che aggiungo immediatamente ai preferiti!
    Ciao
    Mela

  2. Ecco l'una su 10 che non lo sapeva!! 🙂 certo chissà, mamma e nonna potrebbero ancora fare in tempo ad insegnarmelo, ma per ora mi tengo stretta il tutorial!! 🙂

  3. Ecco l'una su 10 che non lo sapeva!! 🙂 certo chissà, mamma e nonna potrebbero ancora fare in tempo ad insegnarmelo, ma per ora mi tengo stretta il tutorial!! 🙂

  4. Bravissima per aver condiviso questo metodo  con noi, queste sono cose che si perdono con il tempo se qualcuno bravo come te non le ricorda .
    Baciotti 

  5. Guardavo questi meravigliosi laccetti nelle mie scarpine da notte di lana che mia nonna mi aveva fatto qualche anno fa… e mi chiedevo "ma come avrà fatto??"
    Poi ho trovato un tutorial su un libro e poi adesso qui da te…. non sono però del tutto sicura di aver capito come si fa… ma un giorno di questi ci voglio provare…. anche con il cotone…. visto che prima o poi la primavera arriverà…. no??
    il logo sta bene assai e in effeti il sito risulta più "pulito" e professionale…. e poi tu compari sempre con la faccina nelle risposte… e quindi ti possiamo ancora vedere!!! un bacione clod… nulla è perduto ma il tutto è migliorato!!

  6. Ciao, vedo che qui sono cambiate un po' di cose…. mi piace!!!!
    Bello che hai scritto qualcosa su questo metodo: l'ha insegnato anche la mia mamma a me e a mia sorella e noi ci siamo sempre divertite un sacco a farlo assieme…. baci baci
     

    1. Già, immagino che in tante lo conoscano come metodo. Ma magari su 10 una non lo sa…chissà.
      E poi mi piaceva ricordare i bei tempi, quando l’arte dell’arrangiarsi era “normale”.

      Si ho cambiato il logo. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sponsor

Rss

Iscriviti alla Newsletter