cropped-logo.png
Cerca
Close this search box.

Come rivestire gli auricolari e avere cuffiette personalizzate e sempre in ordine

auricolari rivestiti, auricolari personalizzati,

Il modo migliore per avvicinare i ragazzi alla creatività – o almeno per fargli fare qualcosa di manuale – è lasciare che personalizzino con le proprie mani accessori a cui tengono di più.
Una cosa a caso? Le cuffiette da cui non si separano mai.

In commercio ce ne sono di tutti i tipi e colorati in mille modi ma ovviamente, quasi fosse una gara a chi ce le ha più strani, avere degli auricolari diversi e che nessuno ha, è una cosa molto più stimolante.

Da tempo Chiara aveva adocchiato sul web degli auricolari personalizzati fighissimi con i cavetti ricoperti a mano con del filo di cotone. Così per personalizzare le sue cuffiette ci ha voluto provare anche lei usando un gomitolo tutto colorato che avevo in casa.

auricolari rivestiti, cuffiette personalizzate

Rivestire gli auricolari con semplici i nodi

Il sistema che ha usato è semplicissimo e alla portata di tutti. L’unica cosa richiesta è pazienza e buona volontà in quanto per rivestire interamente i cavetti nodo a nodo ci vogliono alcune ore.

nodo cinese
Stilfehler-Chinese Staircase Stitch

In pratica, per ricoprire gli auricolari basta girare intorno ad un cavetto alla volta con un filo di cotone e avvolgerlo facendo nodi in sequenza come in figura.

Ne verranno fuori delle cuffiette bellissime come queste, con i fili interamente colorati quasi come i braccialetti della fortuna.

cuffiette rivestite con filo colorato

I cavetti non si attorcigliano più

Oltre ad avere auricolari colorati, originali e ricoperti interamente a mano, il bello di tutto questo lavoro è che in questo modo, mettendo le cuffiette in borsa o in un cassetto, i cavetti non si attorcigliano più (o se lo fanno sarà facilissimo districarli).

auricolari rivestiti, auricolari personalizzati,

Come personalizzare gli auricolari

Nel nostro caso il filo di cotone era multicolor bouclé (con dei piccoli pallini) quindi non aveva bisogno di tanti elementi decorativi, ma è possibile personalizzare gli auricolari in tanti altri modi.
Per esempio si possono usare fili di cotone da ricamo in tinta unita e cambiare colore ogni tanto, oppure durante la lavorazione aggiungere delle perline (anche quelle pyssla).

doria-chi-sono-rss-2-1

Questo post ti è piaciuto ?
Salvalo e condividilo
con i tuoi amici !

Iscriviti alla Newsletter

Ti consiglio anche...

17 risposte

  1. Ma che belli, complimenti all’artista!!
    Devo provarci anche io, ho gli auricolari del cellulare perennemente annodati, per districarli devo fare mezz’ora di acrobazie. Ovviamente sempre mentre sto guidando altrimenti che gusto c’è 😀 😀
    Se mi incontrate mentre sono al volante, tremate!!!! 😀 😀

    Ovviamente scherzo, o meglio, gli auricolari sono veramente sempre arrotolati ma quando guido sto molto attenta,: non parlo, non fumo, non bevo… però canto quindi state lontane lo stesso 😀

  2. Io semmai vorrei sapere come hai fatto a fare la foto seppia e lasciare gli auricolari colorati 😉
    Belli, bella idea, bello che tua figlia non sia cresciuta col rifiuto per le fisse creative di sua madre, ma le abbia fatte sue e adattate alle sue esigenze.. cosa di cui credo abbia tu il merito, perché secondo me i rifiuti vengono provocati dai genitori soffocanti, ma questa è un’altra storia. Buon rientro!

    1. Ciao Elle , c’è un programmino semplice semplice ,per fare ciò che vuoi con le foto. :anche il seppia o bianco e nero e colorare solo la parte che interessa . E’ online e gratis , lo uso io che ho taaaaanti anni e faccio a pugni con la tecnologia , anche la più semplice.
      Se Doria mi darà il permesso , metterò il link In caso contrario , lo scrivo a lei che poi lo gira a te.
      Vedrai quanto è facile e divertente : schiarirle , dare o togliere colore , cornici , scritte , colori , collages , ingrandire e alleggerire le foto : da 500 jpg le porto a 72 jpg .Uno spasso per spedirle leggère e si aprono subito.
      Laura

    2. È vero, non l’ho mai forzata a fare niente. Nel tempo ha cambiato gusti e passioni: ha passato il periodo in cui voleva imparare a cucire (e ci ha anche provato), quello del disegno, quello in cui faceva orecchini e braccialetti (cosa che io faccio raramente). Dell’uncinetto invece non le è mai importato niente e io non ho mai insistito.

      Foto: ho usato ribbet.com (non so se è lo stesso di Laura, ma a volte lo uso quando ho fretta). Ho applicato un filtro e poi ho cancellato l’effetto del filtro solo dai cavetti che sono tornati del colore naturale. Lo conosci?

        1. Grazie ragazze! Domani andrò a spulciare i due siti per vedere come funzionano, non sapevo si potessero ritoccare le foto online, credevo fosse una funzione particolare di un programma (e speravo di trovarlo anche nel mio, che è molto semplice) 😀

  3. Diversi e personali . Brava Chiara ! In fatto di manualità , degna figlia di sua madre.
    Vanno bene anche per l’apparecchio acustico ? Vista l’età…( battuta ) ; )
    Buon rientro e buona settimana .

    1. Oddio per l’apparecchio acustico c’è tempo…comunque non mi pare abbiano cavetti da ricoprire. Al massimo ci inventiamo degli applique all’uncinetto da applicarci sopra 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sponsor

Rss

Iscriviti alla Newsletter