cropped-logo.png
Cerca
Close this search box.

Decorazioni e applicazioni all’uncinetto: come fare un pesciolino

pesce all'uncinetto, pesciolino uncinetto,

Non so se è stata l’aria di mare o il posto rilassante ma quest’anno la mia forma mentis vacanziera era impostata sulla modalità “completo relax”.
Infatti, al pari di chi entra in bagno perché sente che deve “produrre” tanta roba e poi esce dopo mezz’ora avendo sfornato solo un’oliva -oddio come sono professionale oggi! 😎 – sono andata in vacanza carica di buona volontà, oltre che di gomitoli, pensando di “produrre” chissà che cosa e sono tornata solo con questo piccolo pesciolino all’uncinetto (in compenso ha lavorato di più mia figlia che ha letto un libro in due giorni e ha ricoperto a mano le sue cuffiette).

pesce ad uncinetto
Ok, dicevo…la mia produzione vacanziera è stata “stitica”  ( ☺ ) , rimane il fatto però che questo pesciolino all’uncinetto è carino e anche facile e veloce da fare e può essere utile da usare come decorazione o appliqué (quindi affrettati a leggerne le spiegazioni prima che il pesce decida di tuffarsi di sotto e tornare in mare 😉 )

Pesce all’uncinetto – Spiegazioni

spiegazioni pesciolino uncinetto corpo  spiegazioni pesciolino uncinetto coda 1
1. Corpo. Ho avviato un anello magico e lavorato 6 maglie basse nel primo giro, 12 maglie basse nel secondo giro, 24 nel terzo (puoi farne anche 18 se vedi che gli aumenti sono troppi).

2.Coda. Ho lavorato 3 catenelle volanti e poi un ventaglietto di 4 maglie alte.

spiegazioni pesciolino uncinetto coda 2  spiegazioni pesciolino uncinetto pinna sopra
3. Coda. Voltato il lavoro, ho lavorato 3 catenelle volanti, 1 pippiolino di 3 catenelle chiuso sulla catenella successiva, una maglia alta sulla maglia alta sottostante, 1 pippiolino di 3 catenelle chiuso sulla maglia bassa sottostante e così via fino alla fine del ventaglietto.

4. Pinna sopra.  Ho proseguito con maglie basse fino a raggiungere “le ore 12” dove ho lavorato 3 pippiolini sulla stessa maglia sottostante.

spiegazioni pesciolino uncinetto bocca  spiegazioni pesciolino uncinetto pinne sotto
5. Bocca pesce. Ho proseguito con maglie basse fino a raggiungere “le ore 9” dove ho lavorato 2 pippiolini su due maglie sottostanti.

6. Pinne sotto. Ho proseguito con maglie basse fino a raggiungere “le ore 6” dove ho lavorato 3 pippiolini sulla stessa maglia sottostante. Ho proseguito con maglie basse fino alla coda e ho chiuso il lavoro.

7. Occhio. Con ago e filo bianco ho ricamato un piccolo occhio.

applicazione uncinetto, pesce all'uncinetto, pesciolino uncinetto,
Puoi utilizzare questo pesce ad uncinetto come decorazione o applicazione per magliettine, copertine, tende, tovaglie, borse, lenzuolini o come decorazione per giostrine o per il corredino dell’asilo (per esempio potrebbe essere carino da mettere come segno distintivo sul sacchettino, sui bavaglini o anche sulla tasca del grembiulino).

Che poi puoi farlo di tanti altri colori e che con un filo grosso puoi ottenere un bel pesciolone o con un filo più sottile  puoi fare un pesciolino più piccolo e delicato…che te lo dico a fare, lo sai anche da te.
Quello che invece non saprai mai è…come ho fatto a farlo stare in piedi 😀

doria-chi-sono-rss-2-1

Questo post ti è piaciuto ?
Salvalo e condividilo
con i tuoi amici !

Iscriviti alla Newsletter

Ti consiglio anche...

20 risposte

  1. Carino!!! Appena arrivo a casa lo copio, devo solo pensare al colore che mi piace di più.
    Io non ci penso mai ai pippiolini che invece fanno sempre comodo. 😉

  2. Io ho perso il filo al primo pippiolino di tre catenelle, perciò voglio indovinare a tutti i costi e dico che l’hai infilzato con un ago o uno spillo… 😀

      1. L’hai preso all’amo! 🙂 o gli hai infilato uno stecchino nel… retro… no, hai svelato il trucco poco dopo…

        Molto molto bellino comunque, e io che quando vedo qualcosa di carino ci devo sempre mettere il becco, aggiungo la mia:

        – fare solo mezza coda, la pinna sotto e mezza bocca e chiudere il lavoro
        – farne tanti in quel modo
        – metterli tutti in fila e attaccarli tra di loro lavorando la parte che manca di sopra (maglie bassissime tra la mezza bocca e la mezza coda, facendo nel frattempo la pinna sopra)
        – ritrovarsi con un bel pizzo per un vestitino da bambina
        (dai, Doria, fai una prova e facci vedere il risultato!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sponsor

Rss

Iscriviti alla Newsletter