cropped-logo.png
Cerca
Close this search box.

Mercatini Hobbisti: il banchetto con angolo laboratorio

mercatino hobbisti
Un nuovo racconto sui mercatini è arrivato da Fabiana e Pamela.
Loro creano orecchini, collane, charm, ma anche topper per torte, bomboniere, borse, tutto handmade.

Hanno cominciato per caso e sono ai loro primi mercatini, ma stanno provando a sperimentare un’idea per avvicinare la gente al banchetto e coinvolgerla nel lavoro dell’hobbista.

L’idea è lodevole e bella, ma impegnativa e richiede organizzazione. Anzi, se avete consigli da dare in merito, fatelo pure nei commenti.

bancarella-laboratorio

Ti racconto il mio mercatino. Il banchetto con angolo laboratorio

Ciao! Siamo Fabiana e Pamela due sorelle di Bologna.  Un giorno, per fare un regalo ad una nostra carissima amica, abbiamo comprato un panetto di Fimo viola da cui abbiamo realizzato il nostro primo delfino da mettere su una collanina in cordoncino … e poi … eccoci qua!

Sono passati ormai due anni da quel primo lavoro a cui ne sono seguiti un secondo e poi un terzo … e dal passaparola abbiamo creato una pagina facebook e infine persino un sito tutto nostro (tanto Pamela è una informatica e di queste cose se ne intende … forse 😉 ) … ma è solo da pochissimo che abbiamo intrapreso la via dei mercatini. E’ il secondo che facciamo da sole e abbiamo ancora tante cose da sistemare e migliorare, ma lo affrontiamo con lo spirito che ci spinge a creare, ossia divertendoci!

E per i nostri mercatini abbiamo deciso di sperimentare l’angolo che noi abbiamo chiamato “crea con noi”.
L’idea nasce dall’esperienza provata in Giappone, dove è normale che chi crea articoli handmade ti faccia provare a “mettere le mani in pasta”.

Secondo noi è una esperienza interessante per chi si siede al tavolo e può provare a realizzare un piccolo soggetto rendendosi conto di tutto l’amore, il tempo che questa nostra passione richiede per poi regalarti un sorriso quando è tutto finito e pronto!

Ed è così che ai nostri mercatini abbiamo radunato un bel po’ di piccoli creativi! La prima volta abbiamo avuto una sola bimba delle elementari che con tantissima passione ha realizzato i regalini per le sue maestre stando con noi tutta la mattinata.

Nella nostra seconda esperienza, invece, abbiamo radunato un totale di 5 bambini in contemporanea di età variabile dai 5 agli 11 anni … ecco una delle cose che dobbiamo migliorare! Lo spazio era piccolino e noi due sole a cercare di seguirli tutti quanti e stare attente che lame e oggetti taglienti fossero sempre lontano dai bambini e poi tutti che volevano fare soggetti diversi … corri a destra e corri a sinistra, prendi i colori, fai le palline aggiusta un occhio, aggiusta un orecchio … e al banchetto chi ci guarda?

Per fortuna non eravamo sole e con noi c’era la nostra mamma che ci guardava la merce esposta e si occupava di tutta la burocrazia come dare resti e biglietti da visita. Ma meno male che ci sono ancora questi piccoli a cui piace “sporcarsi” le mani!

Ai prossimi mercatini  di Zola Predosa nei pressi di Bologna (24 giugno e 8 luglio) presso il giardino della biblioteca, proveremo a migliorare lo spazio e l’organizzazione, non solo del laboratorio, ma anche la nostra … e sì perché anche quando noi creiamo sembra esploda una bomba di materiali e colori sul nostro spazio di lavoro!
Abbiamo scritto questo racconto anche perché ci piacerebbe avere commenti e suggerimenti per come gestire al meglio lo spazio del laboratorio. Grazie!

Fabiana e Pamela

***

Che ne dite? Avete consigli?

doria-chi-sono-rss-2-1

Questo post ti è piaciuto ?
Salvalo e condividilo
con i tuoi amici !

Iscriviti alla Newsletter

Ti consiglio anche...

36 risposte

  1. Se leggo bene i commenti la partita non è stata di intralcio al mercatino, sono contenta per voi. Sapete durante la partita ero in giro per Latina, sembrava l’8 marzo, in giro c’erano solo donne, tutte intente a fare shopping. Gli uomini erano tutti nei bar a vedere la tv. Peccato che l’Italia non giochi più, ogni tanto un pomeriggio tutto al femminile ci vuole proprio

  2. Tanti i propositi coi quali eravamo partite… Non più di 4 bambini alla volta (2 a testa) e a turni!! Bhè…in realtà siamo arrivate a 10 bambini tutti insieme che facevano cose completamente diverse!!! Ma che dire? Quando ti guardano con quegli occhioni e ti dicono:”e io posso?” non riusciamo a dirgli di no!!!

      1. Altro che asilo! Ieri sera erano accerchiate da bimbi, mamme con cani e tanto altro.
        E dire che il mercatino aveva organizzato anche laboratori creativi con musica, pasta di sale ecc. Fuori dubbio che la tecnica della carta shrink? (si scrive così?)
        è una novità ed attira tantissimo.
        Ci si vede l’8 luglio (ricordati i miei vasi piccini)
        Laura

    1. Allora se non volete diminuire il numero di bambini (perché non volete dire di no a nessuno) o il loro tempo di permanenza, diminuite la varietà dei progetti! Se ogni bambino fa una cosa diversa è un delirio, se fanno tutti la stessa cosa chi è più bravo può dare una mano a chi rimane indietro (o si è avvicinato per ultimo al banchetto) e alleggerirvi un pochino il lavoro. Proponete tre progettini veloci e chiedete a chi arriva di sceglierne uno. Poi se c’è tempo e spazio ci si può sbizzarrire coi dettagli personalizzati, altrimenti si fa tutti insieme la versione base. Questo dovrebbe rendere la cosa più gestibile…

  3. Che brave!!!è una bellissima idea quella di far mettere le mani in pasta ai bambini!!! anch’io suggerisco i limiti di tempo però se avete la mamma che vi guarda il banchetto tanto meglio..si sa che dire di no al bimbo è difficile!!!

  4. Che bella l’idea di creare insieme, di solito lo fa chi vende i materiali ma in effetti è un buon modo per far capire quanto tempo e quanta cura ci vuole per fare delle belle cose.
    Ma l’iniziativa è rivolta solo ai piccoli??? Perché altrimenti mi tocca stare tutto il tempo in ginocchio 😀
    Per i suggerimenti credo che l’unica cosa saggia l’abbiate già pensata ovvero che le creative si occupano delle creazioni e la mamma (o comunque una persona fidata) si occupa delle vendite.
    Se poi i bambini sono troppi da gestire anche in due… passate con il cestino delle offerte e vedi che fuggi fuggi 😀 😀

    1. Carissima Valentina, intanto grazie per aver scritto al nostro articolo!
      Noi siamo aperte a tutti, non solo bambini, quindi se vuoi venire a trovarci sei la benvenuta!

  5. La trovo una fantastica idea!!! Bravissime ragazze. Per quanto riguarda consigli, credo che andate alla grande già così, e alcuni buoni consigli sono già arrivati. Complimenti ragazze!!

    1. Provate a mettere degli orari e scrivete “non più di due (o tre) bambini”. Se sono davvero interessati torneranno all’ora giusta, magari dopo che la mamma si è vista tutto il mercatino. Non so, è un’idea…

    2. Oppure date dei limiti di tempo: “Dalle 8 ogni mezz’ora avete la possibilità di creare con noi…” Si spera che non arrivino 20 bambini in mezz’ora! O ogni ora, o ogni quanto ritenete gestibile e opportuno… Fate capire che se c’è tanta gente uno non può piazzarsi lì tutto il pomeriggio, ostacola gli altri! Se invece non c’è nessuno può fare doppio o triplo turno 😉

      1. Grazie mille D-chan per il commento … ci abbiamo ma provato, ma ovviamente è successo esattamente l’opposto: prima tre ragazzine e finito il loro lavoretto ci hanno chiesto se ne potevano fare un altro (non c’era nessuno e quindi tutto ok) … e poco dopo sono arrivati una decina di bambini tutti insieme …
        Ci siamo divertite, ma a un certo punto pensavamo di non farcela!

      1. Erano organizzati dal Comune nella nostra fortezza storica (il Priamar), erano eventi estivi e c’era chi soffiava il vetro e faceva altri manufatti sul posto, piacevano e attiravano un sacco di gente.

    1. Prego! Grazie a voi per il bel racconto.
      Vorrei darvi consigli ma non ne ho, se non quello di raccogliere meno bimbi a seduta e di occuparvi una del banchetto e una del laboratorio.
      Comunque in bocca al lupo per tutto!

  6. Si si , le avevo davanti al mercatino di Zola. Due ragazze carine e solari, sempre intente a creare.I cestini e le borse di carta giapponese dal vivo sono bellissime e poi, una tecnica che non conoscevo e che mi hanno spiegato:si disegna una figura su plastica sottile poi si passa in forno e come per magia diventa spessa e resitente, ma non si deforma. A fine serata l’angolo” crea con noi ” era stipato di bimbi.Può fare solo piacere vedere i piccoli che provano incuriositi e chedono, chiedono…
    Ciao Fabiana e Pamela ,ci si vede domani sera nel giardino della biblioteca e senza fretta e affanni, imparerete a gestire tutto.Brave brave.
    Laura

    1. Ciao Laura e grazie mille per averci scritto! E’ stato un piacere conoscerti e grazie per averci indirizzato a questo stupendo blog.
      Speriamo che domani, nonostante la partita dell’Italia, ci siano tante persone e magari curiosi/e che vogliono mettersi in gioco e provare nuove tecniche!
      A domani sera!
      Fabiana e Pamela

      1. Tranquille. I “maschi” guardano la partita e le signore con o senza prole, vengono al mercatino.
        Incrociamo le dita per il meteo che sembra non essere dei migliori.
        Laura 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sponsor

Rss

Iscriviti alla Newsletter