Unideanellemani Craft Room: ecco il mio nuovo studio laboratorio!

Scritto da Doria il
Pubblicato in Bricolage Decor con  21 commenti

Benvenute nella nuova craft room di unideanellemani, ovvero mio “nuovo” studio/laboratorio/sartoria/biblioteca…insomma, benvenute nel mio “angolo di paradiso”.
Vi piace? 🥰

Beh nuovo si fa per dire perché è solo modificato ma la stanza è rimasta quella.
In questi anni ho avuto modo di condividere spesso le foto della stanza dove lavoro esprimendo più volte il desiderio di modificarla e organizzarla meglio. Purtroppo c’è sempre stato qualcosa ad impedirmelo: mancanza di tempo, di energie, poca voglia di spendere, idee confuse su come fare cosa.

Poi è successo qualcosa per cui da un giorno all’altro, dopo aver modificato il tavolo da lavoro, mi sono ritrovata con un secchio di vernice e un pennello in mano e da lì sono partita e non mi sono più fermata (tuttora sto facendo modifiche).

La mia craft room come era prima prima

Per farvi capire da dove sono partita, questa era la mia stanza prima prima.

C’era: una libreria a tutta parete, una scrivania e un vecchio tavolo da cucina, pareti gialle, tende gialle, quadri con cornice verde, tagliacuci industriale in un angolo, mobiletto con macchina da cucire e scaffalatura da garage in metallo e un divano che in foto non si vede. Il tutto in mezzo ad un gran bel circo di peluche, gomitoli, rocche, stoffe, scatole, scatoloni e ceste varie.

La mia stanza con il tavolo “nuovo”

Ma volendo migliorare la mia stanza non solo esteticamente ma anche in maniera funzionale, qualche mese fa mi è venuta la bella idea di eliminare il tavolo da cucina dalla stanza e di modificare la scrivania in modo da farla diventare un tavolo da lavoro bello grande.
È stato allora che mi è venuto in mente di utilizzare gli avanzi del parquet per rinnovarne e allargarne il piano lavoro. Questo il risultato. ⇓

Per saperne di più ne avevo parlato QUI →da scrivania a tavolo da lavoro, come fare

La mia stanza durante i lavori

Ma avere eliminato dalla stanza un tavolo e trasformato la scrivania in un tavolo più grande non è bastato a sopire la mia voglia di cambiamento che ormai si impossessata di me. 🙂
Così ho:

1. tolto la balza della carta da parati che era in questa stanza dalla nascita di mia figlia;

2. ho stuccato e lisciato la parte dove era la balza di carta e dipinto di bianco tutte le pareti che prima erano gialle;

2. ho dipinto di rosa la parte stuccata creando così un bordo colorato al posto della vecchia carta da parati.

3. ho dipinto di rosa anche tutti i quadri presenti nella stanza.

Insomma, ad un certo punto mi sono ritrovata in questo caos qua con:

  1. due pareti fatte e una no,
  2. una finestra con la tenda nuova montata e una ancora smontata,
  3. i quadri con le cornici fresche ad asciugare per terra,
  4. un ponteggio da imbianchini e secchi di vernice qua e là
  5. stracci, scatole e cianfrusaglie ovunque.

Puntuale è arrivato lui, l’uomo di casa, che vedendo tutto questo bailamme, ha detto: che per caso è passato di qui l’uragano Katrina?

Così, considerando che ancora dovevo imbiancare una parete, montare la mia pegboard fai da te e organizzare e rimettere a posto tutto, probabilmente ha avuto pietà di me e dal giorno dopo mi ha dato una mano (almeno a costruire e montare la pegboard). 🙂

Come è adesso il mio studio/laboratorio

Da qui non vi faccio più la telecronaca di come è andata, ma passo direttamente al risultato. Vi piace?

craft room

craft room

La stanza è sempre quella di prima e i mobili pure, ma adesso è più luminosa, funzionale ed organizzata.

Di sicuro una grande pegboard dove avere tutto a portata di mano, le mie macchine da cucire tutte sul tavolo e l’aver potuto riorganizzare le millemila cose che avevo in questa stanza (stoffe, gomitoli, telai, attrezzi vari) hanno sicuramente contribuito anche a dare alla mia craft room un’aria più seria e professionale. Non trovate? 😉

📌 Per approfondire: Come creare una pegboard fai da te attrezzata 

Ovviamente ogni giorno continuo ad aggiungere cose nuove alla mia peg board, ma fondamentalmente il lavoro è finito.
E niente…volevo dirvi che sono felice. 😊🤗

Top